Uncategorized

Le auto più popolari in città americane

Le auto più popolari in città americaneLe auto più popolari in città americane. Il mercato automobilistico statunitense è definito dalla diversità sottostante. In quasi tutte le regioni del paese, le auto più comuni sono honda, toyota, ford e chevrolet sedans. Ma questo contraddice quanto gli americani siano davvero interessati ai loro gusti. Le persone di san francisco, denver e detroit hanno preferenze molto diverse nelle automobili quando non comprano una berlina standard.

Al vermin-club, abbiamo un enorme set di dati con le caratteristiche delle auto che abbiamo servito così come la loro posizione. Questi dati ci permettono di analizzare esattamente come gli americani differiscono in termini di preferenze auto. E queste preferenze contrastano bruscamente.

Forse il modo principale in cui gli americani si stanno allontanando l’uno dall’altro nelle loro scelte di auto è quello di sapere se scelgono di andare in america. La tabella seguente mostra la percentuale di automobili in 81 dei più grandi mercati del paese fabbricati negli stati uniti.

Quando si tratta di comprare americano, le regole del midwest

Quando si tratta di comprare americano, le regole del midwestQuando si tratta di comprare americano, le regole del midwest. Più della metà delle 20 città più importanti si trovano in questa regione. In cima a questa lista c’e ‘ detroit, la casa spirituale dell’auto americana. Detroit è uno dei pochi luoghi in cui alcune persone sentono un grave stigma contro la condotta straniera. In fondo alla lista ci sono grandi città costiere come new york, los angeles, san francisco e boston. La percentuale di auto americane è particolarmente bassa nella zona della baia. Mentre più del 75% delle auto che serviamo a detroit sono di fabbricazione americana, meno del 30% delle auto a san francisco e san jose sono di fabbricazione americana.

Abbiamo esplorato l’auto più insolitamente comune in ogni mercato, e abbiamo scoperto che quello per le città sulla costa è quasi invariabilmente asiatico o europeo, ma nel mezzo del paese è tipicamente americano. Dobbiamo aver servito almeno 25 auto di quella marca e modello per poter fare la lista.

Esaminando questa lista, viene mostrato il carattere particolare di amore auto delle città americane. Gli abitanti di san francisco amano il loro prius energeticamente efficiente, i detrotiani, la loro potente pontiac di produzione americana e, nel loro ambiente naturale, i cittadini di denver, il loro subarus.

Non sorprende che la prius sia così insolitamente comune a san francisco, che segue lo stereotipo hippie della città. Questo ci ha portato a chiederci dove altri ibridi sono particolarmente popolari. Il seguente indice delle città più popolari per gli ibridi va oltre la prius per includere tutte le auto con un motore ibrido.

Si scopre che un’affinità per gli ibridi non è solo una caratteristica di san francisco, ma della california in generale. Le sette migliori citta ‘dove serviamo piu’ ibridi sono in california. Infatti, per ciascuno dei principali mercati delle città della costa occidentale, almeno l ‘ 1 per cento delle automobili sono ibridi. Questo vale per meno del 20 per cento delle nostre città non costiere.

I motori v8 sono piu ‘potenti dei motori

I motori v8 sono piu 'potenti dei motoriMentre alcune persone preferiscono auto a basso consumo energetico, altri conducenti sono più preoccupati che la loro auto ha un motore potente. Quasi il 14% delle auto che manteniamo hanno un motore a v a otto cilindri, più comunemente chiamato v8. I motori v8 sono piu ‘potenti dei motori a quattro e sei cilindri trovati in piu’ di due terzi delle auto che serviamo.

La seguente lista mostra le città in cui le persone hanno più probabilità di avere un motore v8. Ha alcune somiglianze con la lista degli stati uniti perché il 25% delle auto statunitensi che serviamo sono grandi motori v8, mentre meno del 5% delle auto straniere sono.

Questa lista mostra che le persone che vivono in texas e nel sud sono molto più propensi a optare per una macchina potente. Per esempio, gli abitanti di baton rouge, houston e san antonio hanno il doppio delle probabilità di guidare un’auto con un motore v8.

Un’altra caratteristica che molti proprietari di auto sono interessati è la prestazione dell’automobile come un veicolo per esplorare la natura. Subarus ha una reputazione di essere popolare con gli appassionati di outdoor. Eravamo curiosi di sapere se i proprietari di subaru sono stati generalmente trovati nelle città che sono considerate le più “outdoorsy”.

American car rally

American car rallyAmerican car rally. L’american car rally si svolge da due decenni a platja d’aro, in un lungo fine settimana di giugno. E ‘ internazionale, e troverete mitiche auto americane di marchi famosi come cadillac, chevrolet, buck, ford o lincoln, tra gli altri. Anche se non hai visitato gli stati uniti, si può vedere sul cinema e la tv che le auto ci sono abbastanza diverse da qui. L’evento ci permette di vederli (quindi sono veicoli importati), ed è organizzato dall’american car club catalunya, un’associazione catalana di dilettanti di questi veicoli, simboli di un’intera cultura della libertà.

La giornata inizia al mattino nel parcheggio del mas inferiore a platja d’aro, dove iniziano ad arrivare i primi veicoli esposti. Durante la giornata saranno organizzate varie attività in collaborazione con il pubblico, come le lezioni di country dance, concerti di musica dal vivo, car show, bbq e concorsi spettacolari di queste auto ” hot wheel “, con trucchi quasi acrobatici che si concludono con la consegna di trofei e premi ai migliori.

I bambini ameranno la spettacolarità e i colori delle auto americane, e i vestiti dei partecipanti, stile cowboy. Non mancano le harley-davidson, le mitiche motociclette americane guidate da piloti con grande soddisfazione davanti ai partecipanti.

Questo evento, la più grande concentrazione di auto americane nella regione, si estende a platja d’aro per un lungo fine settimana, venerdì, sabato e domenica, e il biglietto d’ingresso nel parcheggio pubblico è simbolico.

Auto americane degli anni ‘ 50

Auto americane degli anni ' 50Tipico del suo tempo, l’auto americana degli anni ‘ 50 è ancora molto popolare con gli appassionati di belle auto d’epoca. Ma qual e ‘ il fascino di queste auto d’epoca?

Caratteristiche delle auto americane degli anni ‘ 50. Già negli anni ‘ 50, i produttori americani trasformarono le loro auto, rendendole tipiche del decennio. Essendo diventato un vero e proprio” oggetto sociale”, l’automobile doveva soddisfare una serie di criteri e requisiti (sia tecnici che estetici) per soddisfare le aspettative della popolazione.

In particolare, nei primi anni ‘ 50, i produttori passarono dal tradizionale telaio completo al telaio periferico. Questa modifica ha permesso loro di progettare auto più basse, che è una delle caratteristiche principali delle auto statunitensi degli anni ‘ 50. Inoltre, il motore a benzina era di solito un v8, o anche un v12, con un consumo di carburante di più di 30 litri per 100km.

Inoltre, per quanto riguarda la progettazione, i costruttori di automobili si sono adattati all’opulenza generale offrendo veicoli più originali. In questo periodo prospero degli anni trenta gloriosi, le auto americane degli anni cinquanta erano quindi più imponenti di quelle precedenti, sia in lunghezza che in larghezza.

Infine, mentre gli ingegneri avevano tradizionalmente l’ultima parola nel design dell’automobile, i progettisti erano più sollecitati. Quindi, è grazie ad alcuni stilisti di talento che sono nate le auto classiche degli anni ‘ 50! Tra questi, il famoso harley j. Earl (responsabile del design, general motors) ha creato lo stile “chrome wings”. Infatti, molti modelli degli anni ‘ 50 hanno parti cromate e ali laterali appuntite. A partire dal 1955, le conchiglie mostravano anche linee più angolari e meno arrotondate.

Le principali marche automobilistiche americane degli anni ‘ 50

Le principali marche automobilistiche americane degli anni ' 50Questa nuova domanda di automobili americane ha permesso ad alcuni produttori visionari di distinguersi, grazie ai loro modelli che sono diventati iconici.

I più grandi fan di noi auto degli anni ‘ 50 sono necessariamente sedotti dalle auto mitiche di:

  • Corvette, bel air decappottabile, chevy vette, impala.
  • New yorker, windsor, imperial, newport, 300, saragota.
  • Victoria, sunliner, thunderbird, fairlane, galaxy.
  • Cadillac: eldorado, fleetwood, series 62, biarritz.
  • Pontiac: star chief, bonneville, catalina
  • Desoto: firedom, coronado, avventuriero, firesweep.
  • Coronet lancer, royal lancer, sierra wagon.
  • Belvedere, fury.
  • Corsair, pacer, ranger.
  • Capri, prima, continental mark.
  • Mercury: montclair, monterey, park lane.

La maggior parte di queste auto aveva una versione classica e una cabriolet convertibile cabriolet, in particolare in voga negli anni ‘ 50.

Anche se questi modelli non sono più prodotti, sono ancora molto popolari tra gli appassionati di auto negli anni ‘ 50. Fortunatamente per loro, è possibile ottenere dagli importatori come su sylc-export!

Conclusione

In seguito alla guerra, i produttori raddoppiarono i loro sforzi per offrire auto originali, imponenti e scintillanti. Ancora oggi, gli appassionati di auto d’epoca non possono che soccombere al fascino dell’auto americana degli anni ‘ 50!

L’automobile americana rinasce e si preoccupa

L'automobile americana rinasce e si preoccupaBis repetita – vendite di auto negli stati uniti ha battuto un nuovo record nel 2015. Sulla carta, il settore ha voltato pagina sulla crisi, ma a costo di un’esplosione di prestiti tossici. Questo e ‘ il punto d’incontro per gli appassionati di motori. L’auto show di detroit ha aperto le sue porte al pubblico lunedì per due settimane dedicate ai pick-up e ad altre muscle car, questi modelli super-alimentati da una dodge challenger, una chevrolet camaro o una mustang gt 5.0. E i visitatori dovrebbero essere lì, come l’industria automobilistica americana ha riacquistato la sua gloria dopo diversi anni di crisi. Ultima prova di questo revival, il 2015 è stato un anno record in termini di veicoli venduti, con quasi 17,5 milioni di veicoli venduti. A parte il fatto che questa ripresa delle vendite è accompagnata da un’esplosione di prestiti a rischio : i prestiti subprime, che hanno portato all’uscita del settore nel 2008 e nel 2009, potrebbero ancora una volta causare la perdita.

Operazione reconquest per l’automobile americana

Operazione reconquest per l'automobile americanaOperazione reconquest per l’automobile americana. Alla fine del 2009, l’industria automobilistica americana aveva raggiunto un’impasse : chiamato al salvataggio, lo stato americano è stato costretto a lanciare un piano di aiuti da 80 miliardi di dollari e la general motors si è dichiarata fallita. Un periodo buio che ora appartiene al passato : nelle corsie del salone di detroit, il potere industriale americano si sta dimostrando ancora una volta in pieno vigore.

Primo segno di questa opulenza, la maggior parte dei produttori presenta una nuova versione del loro pick-up, dal mitico ram al bestseller ford f-150. E tutti i gruppi hanno deciso di puntare all’high end. In gran parte battuto dai produttori tedeschi in questo settore, ford decise di rivitalizzare il marchio lincoln con una berlina chiamata continental. Allo stesso modo, la general motors ha investito 13 miliardi di dollari per rilanciare il mitico marchio cadillac, che è diventato totalmente sdolcinato per le giovani generazioni. Dopo aver ridotto la vela, l’auto americana è tornata all’attacco.

Vendite che sono al loro apice. Questo miglioramento della salute si riflette nei dati relativi alle vendite sul mercato statunitense. Tra il 2009 e il 2015 le vendite sono aumentate del 68%, da 10,4 milioni a 17,47 milioni. E sono i produttori americani che ne traggono vantaggio : con il ritorno della crescita e il calo dei prezzi del petrolio, gli americani danno ancora una volta la priorità ai ritiri nazionali. Sulla carta, il settore ha così girato la pagina della crisi e può ancora più tranquillamente considerare la continuazione come il parco auto americano sta invecchiando : la lambda car ha dieci anni, rendendo il suo rinnovamento più probabile nei prossimi mesi.

Il ritorno dei mutui subprime tramite l’automobile?

Il ritorno dei mutui subprime tramite l'automobile?Il ritorno dei mutui subprime tramite l’automobile ? Ma il fatto che le case automobilistiche siano ancora una volta in cima non significa che siano al sicuro da una nuova crisi. Peggio ancora, potrebbero promuoverne uno nuovo. Infatti, se è normale per l’autista americano acquistare la sua auto a credito – questo è il caso in più dell ‘ 80% delle vendite-il suo prestatore deve verificare di essere solvibile e quindi in grado di rimborsare il suo prestito. Se non è così, questo credito è descritto come rischioso, anche tossico : in altre parole, un subprime.

Tuttavia, il settore bancario e automobilistico, attraverso i propri istituti di credito, sembra aver dimenticato questa cautela, attirata dagli alti tassi di interesse che può imporre a questi mutuatari inaffidabili. In uno studio pubblicato nella primavera 2014, standard & poor’s stima che un prestito su quattro auto potrebbe essere considerato sub-prime. Un anno dopo, questo era il caso di quattro prestiti su dieci, quasi il doppio, secondo uno studio di coface. In breve, l’america presta a chiunque voglia comprare un’auto, indipendentemente dalla sua capacità di ripagare. Ciò che confermano i dati della federal reserve: la curva dell’importo totale dei prestiti per automobili concessi è in costante aumento e in proporzioni molto più grandi delle vendite di automobili.

L accumulo di questi mutui subprime potrebbe quindi formare una “bolla” e, come nel 2008, contaminare il resto del sistema finanziario, soprattutto perché la maggior parte di questi prestiti sono poi cartolarizzati (in breve, tagliati in piccoli pezzi e messi in vendita sui mercati). A ciò si aggiunge la paura di una simile deriva nei prestiti agli studenti, e comprenderete che molti osservatori stanno lanciando l’allarme. Fortunatamente, questi prestiti sono per importi e termini molto più piccoli rispetto ai prestiti immobiliari del 2008, che limita l’impatto di una crisi ipotetica. Ma il rischio sta diventando più chiaro, nonostante il rinnovato ottimismo dell’automobile americana.